Diocesi di Molfetta Ruvo Giovinazzo Terlizzi | Ufficio Comunicazioni Sociali | Postulazione don Tonino Bello Museo Diocesano | Ufficio per la Pastorale scolastica | Piazza Giovene 4 - 70056 Molfetta (BA) 080355088
Diocesi di Molfetta Ruvo Giovinazzo Terlizzi | Ufficio Comunicazioni Sociali | Postulazione don Tonino Bello Museo Diocesano | Ufficio per la Pastorale scolastica | Piazza Giovene 4 - 70056 Molfetta (BA)
Diocesi di Molfetta Ruvo Giovinazzo Terlizzi

Use advanced navigation for a better experience.
You can quickly scroll through posts by pressing the above keyboard keys. Now press the button in right corner to close this window.

Vi raccontiamo don Tonino / audio

 

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Classi 3^- 5^ Plesso “Cozzoli”
Facchini Carmela

Come faccio ad ascoltare l'audio?

Clicca su play

Gli alunni sono stati guidati, partendo dalla visione di un film documentario:”Anelito di pace-Ritratto di don Tonino Bello”,a conoscere la vita di don Tonino, dalla sua infanzia ad Alessano, agli anni in seminario fino alla sua ordinazione sacerdotale.

Ci si è soffermati ad approfondire il tema della povertà poiché Don Tonino Bello, il “grande” Vescovo di Molfetta caratterizzò il suo Ministero episcopale sulla rinuncia verso ciò che considerava ‘segni di potere’,anche per questo, si faceva chiamare semplicemente: don Tonino, e da una intensa attenzione

verso ‘gli ultimi’ infatti durante il periodo dell’episcopato creò i gruppi Caritas in tutte le parrocchie della diocesi, la fondazione di una comunità per tossicodipendenti e l’abitudine di lasciare sempre aperti gli uffici dell’Episcopio, spesso anche ai bisognosi che chiedevano di passarvi la notte. Sua la definizione: ‘Chiesa del grembiule’, per indicare la necessità di farsi umili ed agire sulle cause dell’emarginazione”.

E’ stato questo il punto di partenza dal quale si è partiti per far riflettere gli alunni, nel ventennale della sua morte, sulla sua scelta pastorale, vissuta sull’opzione radicale per gli ultimi, e sul suo impegno per la promozione della pace, della nonviolenza, della giustizia e della solidarietà che lo rendono ancora

oggi, dopo la sua morte, tra i più audaci profeti dei nostri giorni.

Leave a reply

 

La parabola di Samarra / PPT

IV D Scuola primaria R. Scardigno Inss. Raffaella Magarelli e Licia Ciccolella Descrizione dell’opera: Il fumetto è il frutto delle riflessioni condotte sul capitolo “La no[...]

small_keyboard
 
QR Code Business Card